L’impero Moghul e l’incontro con i missionari Gesuiti. L’utilizzo dell’iconografia Cristiana nel linguaggio pittorico di corte.

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Mondini, Sara it_IT
dc.contributor.author Bevilacqua, Giulia <1986> it_IT
dc.date.accessioned 2016-02-10 it_IT
dc.date.accessioned 2016-05-04T11:44:59Z
dc.date.available 2016-05-04T11:44:59Z
dc.date.issued 2016-03-11 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/7419
dc.description.abstract Il mio lavoro di tesi si occupa dell’impero Moghul e delle fasi di sviluppo della pittura di corte patrocinata dai principali sovrani. La prima parte, di carattere più generale, è volta a fornire una panoramica storica sull’impero che conquistò quasi interamente il subcontinente indiano e ne mantenne il controllo tra XVI e XVIII secolo d.C., sulle modalità di espansione e di organizzazione, e sul ruolo della figura del sovrano e la sua ideologia di governo. La seconda è invece dedicata alla prima fase delle espressioni artistiche - pittoriche nello specifico - dell’atelier di corte Moghul e al ruolo delle influenze stilistiche Persiane, Cinesi e di richiamo alla tradizione Hindu che la caratterizzarono. Nella parte centrale, la tesi si occupa dell’incontro tra due culture, quella Musulmana Moghul e quella Cattolica con cui la corte ed il suo terzo imperatore, Akbar (r.1556-1605), entrarono in contatto attraverso i missionari Gesuiti (dalla metà degli anni ‘70 del XVI sec. in poi) e la conseguente nascita di un nuovo linguaggio stilistico e tematico in campo figurativo, risultato dalle copie o dall’ispirazione ai modelli offerti dalle immagini sacre portate a corte dai Gesuiti. Tali immagini si dimostrarono strumentali alla propaganda dell’imperatore stesso il quale individuò nelle raffigurazioni della Vergine e del Gesù - trasposta in quella dell’imperatore stesso e della madre - l’insieme di significati iconografici utili a dimostrare la propria immedesimazione nel divino e la divina approvazione all’esercizio del suo potere. it_IT
dc.language.iso it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Giulia Bevilacqua, 2016 it_IT
dc.title L’impero Moghul e l’incontro con i missionari Gesuiti. L’utilizzo dell’iconografia Cristiana nel linguaggio pittorico di corte. it_IT
dc.title.alternative it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Storia delle arti e conservazione dei beni artistici it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali it_IT
dc.description.academicyear 2014/2015, sessione straordinaria it_IT
dc.rights.accessrights openAccess it_IT
dc.thesis.matricno 808845 it_IT
dc.subject.miur it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.date.embargoend it_IT
dc.provenance.upload Giulia Bevilacqua (808845@stud.unive.it), 2016-02-10 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Sara Mondini (sara.mondini@unive.it), 2016-02-22 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record