Variazione temporale degli areali di distribuzione spaziale di specie marine

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Pranovi, Fabio it_IT
dc.contributor.author Cecino, Giorgia <1989> it_IT
dc.date.accessioned 2014-10-08 it_IT
dc.date.accessioned 2014-12-13T10:10:54Z
dc.date.available 2016-05-20T11:20:40Z
dc.date.issued 2014-10-30 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/5151
dc.description.abstract I cambiamenti climatici, ed in particolare il riscaldamento globale, possono avere effetti diretti sulle comunità biotiche. Nel contesto delle scienze marine, ad esempio, sono stati studiati recentemente diversi casi di ingressi di specie termofile in ambienti temperati. Tra gli ecologi vi è grande interesse riguardo gli spostamenti che le specie marine possono intraprendere verso latitudini più elevate per ricercare ambienti dalle temperature inferiori, andando così ad alterare il proprio areale iniziale. È quindi scopo del lavoro di tesi studiare i possibili movimenti che le specie ittiche hanno compiuto nell’intervallo temporale tra il 1970 ed il 2011 in ambiente marino-oceanico, per poi relazionarli con l’aumento di temperatura delle acque. L’area di studio è la regione nord atlantica in particolare la zona della costa europea ed americana. L’analisi è partita dalla costruzione di un database con riferimenti temporali di record georeferenziati del posizionamento di varie specie marine. I dataset di partenza, così come l’elenco delle specie marine esaminate, provengono da fonti scientifiche come articoli pubblicati su riviste internazionali e registrazioni museali. Successivamente i dati, dopo una fase di data mining, sono stati trasportati in ambiente GIS per studiare l’evoluzione dell’areale delle specie nel tempo. Allo stesso tempo sono stati raccolti e analizzati statisticamente i valori di SST (Sea Surface Temperature) e NAO (North Atlantic Oscillation) per le aree di interesse. Poiché le temperature medie non sempre esprimono appieno le differenze di temperatura che vi possono essere tra anni differenti, sono stati creati degli indici, mediante l’interpolazione dei punti di SST mensile, che tenessero conto della rapidità di cambiamento di SST tra stagione fredda e calda. In questo modo, anni con temperature medie simili possono essere caratterizzati da regimi termici anche molto differenti. Tali indici, SST e NAO sono stati relazionati mediante la costruzione di GLM (modelli lineari generalizzati) all’andamento temporale del centro di distribuzione dei record di segnalazioni. Si è potuta osservare una relazione tra aumento della temperatura e spostamento verso nord delle segnalazioni. In particolare è emerso come questa relazione sia più marcata nei dati riguardanti la zona atlantica occidentale rispetto a quella orientale. it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Giorgia Cecino, 2014 it_IT
dc.title Variazione temporale degli areali di distribuzione spaziale di specie marine it_IT
dc.title.alternative it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Scienze ambientali it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Sostenibilità dei sistemi ambientali e turistici it_IT
dc.description.academicyear 2013/2014, sessione autunnale it_IT
dc.rights.accessrights openAccess it_IT
dc.thesis.matricno 822903 it_IT
dc.subject.miur BIO/07 ECOLOGIA it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.provenance.upload Giorgia Cecino (822903@stud.unive.it), 2014-10-08 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Fabio Pranovi (fpranovi@unive.it), 2014-10-20 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record