Maternità(im)possibili: il ruolo del Movimento per la Vita italiano ed il progetto 'Io nasko' a Chioggia

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Colloredo, Anna Rita it_IT
dc.contributor.author Bozzato, Federica <1989> it_IT
dc.date.accessioned 2013-10-07 it_IT
dc.date.accessioned 2013-12-03T12:19:05Z
dc.date.available 2015-01-17T09:36:15Z
dc.date.issued 2013-10-21 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/3791
dc.description.abstract Il tema dell'interruzione di gravidanza è ancora oggi una questione delicata da affrontare viste le diverse controversie in materia. Prima dell'approvazione della legge 194/78 il fenomeno dell'aborto era relegato alla sfera dell'illegalità poiché vietato e punito dalla legge. I dati analizzati nel presente lavoro mostrano che a partire dagli anni '80 in seguito all'approvazione della legge, il numero delle interruzioni di gravidanza è gradualmente diminuito ma sopratutto uscito dal vortice della clandestinità. Nonostante ciò bisogna ricordare che il fenomeno non è del tutto scomparso ma è ancora presente sopratutto tra le donne in condizioni di difficoltà. Proprio per questo motivo si prende in considerazione l'importante lavoro di prevenzione volto a promuovere una sessualità responsabile. La prevenzione da sola però non è sufficiente ad evitare il ricorso all'aborto poiché in molti casi quando la donna si reca al servizio la gravidanza è già iniziata. A questo punto fondamentale il lavoro svolto dal Movimento per la Vita a livello nazionale ma sopratutto a livello locale. Nel Comune di Chioggia infatti, grazie al progetto 'Io Nasko' si sostengono economicamente e materialmente molte donne in difficoltà proprio con l'obiettivo di prevenire l'interruzione di gravidanza. Il lavoro mostra quindi che anche se una sessualità responsabile rimane la prima arma per prevenire gravidanze indesiderate, le associazioni di volontariato svolgono oggi un ruolo fondamentale nel sostenere le madri in difficoltà. Per questo motivo le suddette attività, dovrebbero essere incentivate e supportate dal welfare state in modo che l'interruzione di gravidanza continui a diminuire anche nel futuro. it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Federica Bozzato, 2013 it_IT
dc.title Maternità(im)possibili: il ruolo del Movimento per la Vita italiano ed il progetto 'Io nasko' a Chioggia it_IT
dc.title.alternative Maternità (im)possibili: il ruolo del Movimento per la Vita italiano ed il progetto “Io nasko” a Chioggia it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Servizio Sociale e Politiche Pubbliche it_IT
dc.description.academicyear 2012/2013, sessione autunnale it_IT
dc.rights.accessrights openAccess it_IT
dc.thesis.matricno 823010 it_IT
dc.subject.miur SPS/07 SOCIOLOGIA GENERALE it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.provenance.upload Federica Bozzato (823010@stud.unive.it), 2013-10-07 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Anna Rita Colloredo (annarita.collo@unive.it), 2013-10-21 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record