Jordan policy towards Syrian Refugees: beyond criticism. Analysis on Jordan's ability to manage the enormous number of refugees while maintaining internal stability.

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor De Poli, Barbara it_IT
dc.contributor.author Veronese, Marta <1995> it_IT
dc.date.accessioned 2019-06-19 it_IT
dc.date.accessioned 2019-11-20T07:10:04Z
dc.date.issued 2019-07-15 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/15463
dc.description.abstract La tesi è stata scritta durante il mio soggiorno in Giordania, periodo in cui ho prestato servizio di volontariato in collaborazione con Caritas alle famiglie siriane, in particolare nel governatorato di Zarqa e Mafraq. Durante le interviste rivolte alle famiglie nelle comunità ospitanti è più volte emerso che mentre i bambini più piccoli erano iscritti a scuola, il figlio maggiore, di età tra i 13 e i 18 anni, doveva invece lavorare per aiutare il padre a mantenere la famiglia, scegliendo di non continuare il percorso scolastico. Dall’intervista svoltasi con Yumi Matsuda, rappresentante UNICEF ad Amman, il lavoro minorile, insieme al matrimonio delle bambine è il fenomeno più attivo e preoccupante in Giordania, e l’UNICEF ha già iniziato campagne di sensibilizzazione e aiuti alle famiglie per far fronte al problema. Un ruolo fondamentale nella gestione dei rifugiati è svolto dall’UNHCR, per conto del quale ho intervistato Francesco Bert, Senior External Relations Officer ad Amman che mi ha fornito una panoramica generale dei maggiori campi in cui l’agenzia lavora e i servizi che essa offre. L’intervista con lo Zaatari Camp Manager (dal 2014 al 2016) Hovig Etyemezian è stata illuminante per la chiave di lettura che ho deciso di dare alla mia tesi: al di là delle infinite critiche che sono state rivolte al governo giordano, bisogna ammettere che esso, a differenza per esempio dell’Europa, è stato in grado di accogliere un grandissimo numero di rifugiati senza minare la stabilità interna e riuscendo ad evitare il malcontento del suo popolo. Il primo capitolo analizza le relazioni tra Siria e Giordania nella storia, caratterizzate da un alternarsi di rivalità e cooperazione, l’ultima dovuta soprattutto da fattori economici; il secondo capitolo studia la figura del rifugiato nella legge internazionale e l’apparato giuridico che circonda la Giordania nella sua politica di accoglienza dei rifugiati. Infatti, lo stato non è firmatario della Convenzione sui rifugiati del 1951 tuttavia ha ratificato diversi documenti riguardanti la questione, primo tra tutti il Memorandum of Understanding con l’UNHCR. Infine, il terzo e quarto capitolo si focalizzano rispettivamente sul lavoro e sull'educazione in relazione ai rifugiati siriani e sull'influenza che queste ondate migratorie hanno avuto sul mercato del lavoro e sul sistema educativo. La tesi punta ad individuare le strategie per le quali la Giordania è riuscita ad ottenere un equilibrio per il quale non ha smesso di accogliere rifugiati, ma allo stesso tempo non ha trascurato i bisogni della popolazione giordana, tenendo conto anche della limitata disponibilità di risorse e dell’estensione territoriale ridotta. Il Regno Hashemita infatti è il secondo stato più colpito dalla crisi siriana con la seconda quota più alta di rifugiati rispetto alla sua popolazione: la Giordania accoglie circa 762 mila rifugiati. it_IT
dc.language.iso en it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Marta Veronese, 2019 it_IT
dc.title Jordan policy towards Syrian Refugees: beyond criticism. Analysis on Jordan's ability to manage the enormous number of refugees while maintaining internal stability. it_IT
dc.title.alternative Beyond criticism. Critical analysis of the Syrian refugee crisis in Jordan with a particular focus on labour market and education. it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Lingue, economie e istituzioni dell'asia e dell'africa mediterranea it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Studi Asiatici e Gestione Aziendale it_IT
dc.description.academicyear 2018/2019_sessione_estiva it_IT
dc.rights.accessrights embargoedAccess it_IT
dc.thesis.matricno 851278 it_IT
dc.subject.miur L-OR/10 STORIA DEI PAESI ISLAMICI it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.subject.language ARABO it_IT
dc.date.embargoend 2020-11-19T07:10:04Z
dc.provenance.upload Marta Veronese (851278@stud.unive.it), 2019-06-19 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Barbara De Poli (de.poli@unive.it), 2019-07-08 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record