Applicazione di tecniche spettroscopiche per la valutazione del degrado fotochimico e fotofisico dell'acido carminico.

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Zendri, Elisabetta it_IT
dc.contributor.author Zucchelli, Margherita <1991> it_IT
dc.date.accessioned 2018-02-19 it_IT
dc.date.accessioned 2018-06-22T08:47:13Z
dc.date.issued 2018-03-23 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/12630
dc.description.abstract Questa tesi si propone di studiare il degrado fotochimico dell’acido carminico, il colorante costituente principale della cocciniglia. La scelta di studiare questo colorante di origine animale è dovuta, non soltanto al suo largo impiego in campo artistico, sia come colorante tessile che in pittura fin dai tempi più antichi, ma anche al fatto che l’insetto da cui esso viene estratto, la cocciniglia appunto, vive su alcune specie di cactus presenti in diverse zone di centro e sud America, dove pertanto il suo utilizzo in campo artistico è largamente documentato. Le ricerche qui presentate sono state infatti svolte in Argentina e sono parte di un progetto più ampio che si propone di studiare anche i processi di degrado di altri due coloranti organici generalmente molto utilizzati in campo artistico: indaco e alizarina, riguardo ai quali in questa tesi si troveranno alcuni accenni. La realizzazione di uno studio di questo tipo nasce dalla consapevolezza dell’importanza che riveste la conoscenza dei meccanismi di degrado che interessano i materiali utilizzati nella produzione di opere d’arte al fine di ricercare strategie conservative efficaci e progettare e realizzare interventi puntuali. In questo progetto è stata studiata la fotodegradazione dell’acido carminico in soluzione acquosa irradiata a diverse lunghezze d’onda. La reazione è stata studiata mediante spettroscopia UV-Vis per monitorare l’evoluzione degli spettri di assorbimento durante l’irradiazione e spettroscopia di fluorescenza per registrare Matrici 3D di Eccitazione-Emissione e, in questo modo, costruire i profili cinetici attraverso una analisi chemiometrica; anche il contributo che le specie reattive di ossigeno che possono favorire il degrado sono state studiate. Lo scopo è quindi quello di fornire una analisi completa dalla fotodegradazione dell’acido carminico nella sua forma più semplice, che possa costituire una solida base per la caratterizzazione chimico-fisica di sistemi più complessi nei quali sia utilizzato l’acido carminico. it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Margherita Zucchelli, 2018 it_IT
dc.title Applicazione di tecniche spettroscopiche per la valutazione del degrado fotochimico e fotofisico dell'acido carminico. it_IT
dc.title.alternative Applicazione di tecniche spettroscopiche per la valutazione del degrado fotochimico e foto fisico dell’acido carminico it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Scienze chimiche per la conservazione e il restauro it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica it_IT
dc.description.academicyear 2016/2017, sessione straordinaria it_IT
dc.rights.accessrights closedAccess it_IT
dc.thesis.matricno 988550 it_IT
dc.subject.miur CHIM/12 CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALI it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.date.embargoend 10000-01-01
dc.provenance.upload Margherita Zucchelli (988550@stud.unive.it), 2018-02-19 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Elisabetta Zendri (elizen@unive.it), 2018-03-05 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record