Sensō sakusen kirokuga: l'arte a servizio della propaganda negli anni 1937-1945

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Caroli, Rosa it_IT
dc.contributor.author Pasquin, Agnese <1988> it_IT
dc.date.accessioned 2013-10-09 it_IT
dc.date.accessioned 2013-12-03T12:20:04Z
dc.date.available 2015-01-17T09:36:16Z
dc.date.issued 2013-10-30 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/3852
dc.description.abstract Questa tesi si propone di trattare in modo approfondito i sensō sakusen kirokuga (lett. “dipinti documentari sulle campagne di guerra”), un genere pittorico che si sviluppò in Giappone durante gli anni della guerra in Asia Orientale e nel Pacifico (1937-1945), quando i vertici militari di esercito, marina e, in piccola parte, aviazione commissionarono a pittori di rinomata fama, i cosiddetti jūgungaka (lett. pittori “arruolati” nelle forze armate), la creazione di opere monumentali che testimoniassero nel tempo le eroiche imprese belliche delle truppe imperiali. I dipinti, inoltre, si rivelarono un efficace strumento di propaganda, che le autorità di governo sfruttarono al meglio per indurre un’intera nazione a sostenere un conflitto di lunga durata e a superare le innumerevoli difficoltà quotidiane che ne sarebbero derivate. Lo stile realistico e dettagliato (yōga, lett. “pittura occidentale”), i soggetti e i messaggi ideologici comunicati dai sensō sakusen kirokuga, in particolare il concetto di kokutai (lett. “il corpo nazionale”), costituiscono la parte centrale dell’elaborato che, in secondo luogo, si pone anche l’obbiettivo di analizzare il contesto storico-culturale in cui si creò lo stretto rapporto tra il mondo dell’arte e lo Stato, presupposto fondamentale per la nascita del genere pittorico, il cui potenziale propagandistico non passò inosservato alle forze d’occupazione alleate che, nel dopoguerra, mediante la confisca di una parte rilevante delle opere, privarono il popolo nipponico di un patrimonio artistico intriso di quel nazionalismo esasperato che portò inesorabilmente il Giappone verso la disfatta totale. it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Agnese Pasquin, 2013 it_IT
dc.title Sensō sakusen kirokuga: l'arte a servizio della propaganda negli anni 1937-1945 it_IT
dc.title.alternative it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Lingue e culture dell'asia orientale it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea it_IT
dc.description.academicyear 2012/2013, sessione autunnale it_IT
dc.rights.accessrights openAccess it_IT
dc.thesis.matricno 815337 it_IT
dc.subject.miur L-ART/02 STORIA DELL'ARTE MODERNA it_IT
dc.description.note La tesi analizza le modalità con cui l'arte giapponese fu posta al servizio della propaganda di Stato durante gli anni della guerra in Asia Orientale e nel Pacifico (1937-1945) it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.subject.language GIAPPONESE it_IT
dc.provenance.upload Agnese Pasquin (815337@stud.unive.it), 2013-10-09 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Rosa Caroli (caroli@unive.it), 2013-10-21 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record