L'accoglienza istituzionalizzata. le istituzioni totali del nostro tempo.

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Gjergji, Iside it_IT
dc.contributor.author Camarin, Alessia <1992> it_IT
dc.date.accessioned 2017-06-21 it_IT
dc.date.accessioned 2017-09-29T13:00:11Z
dc.date.issued 2017-07-04 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/10717
dc.description.abstract Questo lavoro vuole essere una riflessione sull’accoglienza dei richiedenti asilo in Italia. La domanda al quale si cercherà di rispondere è se l’accoglienza degli stranieri è istituzionalizzata o meno e se questa forma di ospitalità sia effettivamente utile all’ ”ospite” o se è necessaria unicamente a chi la organizza e la gestisce . Si analizzeranno le varie forme dell’accoglienza attivate dai popoli e successivamente dalle istituzioni per capire come è cambiata l’ospitalità nel corso del tempo. Verranno illustrati dei parallelismi tra gli ospiti, gli operatori e le dinamiche delle Workhouse, delle carceri e dei campi di accoglienza delle due Guerre mondiali per capire se i campi di accoglienza per stranieri di oggi risentano di quelle dinamiche proprie del Diciannovesimo e Ventesimo secolo. Nella tesi, per la teoria, si prenderanno in considerazione gli scritti di Goffman sulle istituzioni totali, e le riflessioni di Basaglia anch’esso profondamente contrario alle forme di reclusione istituzionalizzate. Ci si rifarà alle Direttive, alle leggi e alle non-leggi che, ad oggi, disciplinano l’accoglienza in Italia ed Europa. Per le riflessioni pratiche invece si terrà conto di alcuni diari di operatori, ospiti che vivono in prima persona nei centri di accoglienza e si prenderanno in considerazione fatti di cronaca e articoli che denunciano le condizioni precarie dei centri di accoglienza e di chi è costretto a viverci. In conclusione si rivedrà l’utilità dei centri di accoglienza anche rispetto al mercato del lavoro che, a modo suo, è complice del sistema di spoliazione del sé dei richiedenti asilo. Il risultato finale vorrà andare oltre alla riflessione dell’accoglienza istituzionalizzata proponendo un modello di accoglienza semplice ed efficace dove la parola “accoglienza” ritorna al suo significato originario ovvero”ricevere presso di sé, accettare ed ammettere nel proprio gruppo”. it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Alessia Camarin, 2017 it_IT
dc.title L'accoglienza istituzionalizzata. le istituzioni totali del nostro tempo. it_IT
dc.title.alternative L' accoglienza istituzionalizzata. Le istituzioni totali del nostro tempo. it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Servizio Sociale e Politiche Pubbliche it_IT
dc.description.academicyear 2016/2017 sessione estiva it_IT
dc.rights.accessrights closedAccess it_IT
dc.thesis.matricno 838815 it_IT
dc.subject.miur SPS/07 SOCIOLOGIA GENERALE it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.date.embargoend 10000-01-01
dc.provenance.upload Alessia Camarin (838815@stud.unive.it), 2017-06-21 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Iside Gjergji (iside.gjergji@unive.it), 2017-07-03 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record