Da minori stranieri non accompagnati a neo-maggiorenni. Un'analisi comparativa tra Venezia e Bologna.

DSpace/Manakin Repository

Show simple item record

dc.contributor.advisor Campomori, Francesca it_IT
dc.contributor.author Thibault, Lisa <1992> it_IT
dc.date.accessioned 2017-06-22 it_IT
dc.date.accessioned 2017-09-29T12:58:06Z
dc.date.issued 2017-07-10 it_IT
dc.identifier.uri http://hdl.handle.net/10579/10540
dc.description.abstract Questo lavoro di ricerca si pone come obiettivo di comprendere e di analizzare il nesso mancante (o esistente) tra accoglienza e integrazione dei minori stranieri non accompagnati, una volta maggiorenni. Con il compimento del diciottesimo anno di età, infatti ,si svela la paradossalità dello status di MSNA. Il ragazzo, infatti, passa dallo status di minore, tutelato dalla normativa esistente in Italia allo status di neo-maggiorenne, di “migrante”. Inizialmente, è di fondamentale importanza comprendere come i minori stranieri non accompagnati siano tutelati a livello legislativo internazionale e nazionale e come funzioni il passaggio alla maggiore età in materia di conversione del permesso di soggiorno. Si passerà in seguito ad analizzare i due casi studio scelti: ovvero la città di Venezia e la città di Bologna. Prima di tutto è di fondamentale importanza comprendere come le istituzioni e le strutture che prendono in carico i minori e i loro percorsi, cerchino di creare dei percorsi volti all’autonomia del minore: progetti che prevedono un lavoro in sinergia tra assistenti sociali, educatori ed operatori delle strutture in cui i minori sono accolti. Dopo aver compreso come lavorano strutture ed operatori impegnati nella minore età questo lavoro cercherà di analizzare come, dopo lo sgancio del minore dalla presa in carico a “livello istituzionale”, il privato sociale e la cittadinanza si attivino per colmare questo gap presente a livello istituzionale per fare si che i percorsi tracciati durante la minore età abbiano una continuità o quantomeno per fare si che non venga meno tutto il lavoro fatto in precedenza. Lo “schema” qui presentato verrà applicato alle due città prese in studio nello stesso modo cercando di fare la medesima ricerca sia a Venezia che a Bologna. Questo confronto porterà alla comprensione di metodologie e strumenti messi in atto dalle reti impegnate su questo fronte e si tenterà di rispondere all'interrogativo iniziale: esiste o meno un nesso tra accoglienza e integrazione nel passaggio dallo status di minore straniero non accompagnato allo status di neo-maggiorenne? it_IT
dc.language.iso it it_IT
dc.publisher Università Ca' Foscari Venezia it_IT
dc.rights © Lisa Thibault, 2017 it_IT
dc.title Da minori stranieri non accompagnati a neo-maggiorenni. Un'analisi comparativa tra Venezia e Bologna. it_IT
dc.title.alternative it_IT
dc.type Bachelor Thesis it_IT
dc.degree.name Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità it_IT
dc.degree.level Laurea magistrale it_IT
dc.degree.grantor Scuola in Servizio Sociale e Politiche Pubbliche it_IT
dc.description.academicyear 2016/2017 sessione estiva it_IT
dc.rights.accessrights closedAccess it_IT
dc.thesis.matricno 836678 it_IT
dc.subject.miur SPS/12 SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALE it_IT
dc.description.note it_IT
dc.degree.discipline it_IT
dc.contributor.co-advisor it_IT
dc.date.embargoend 10000-01-01
dc.provenance.upload Lisa Thibault (836678@stud.unive.it), 2017-06-22 it_IT
dc.provenance.plagiarycheck Francesca Campomori (francesca.campomori@unive.it), 2017-07-03 it_IT


Files in this item

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record